Montagne friulane, case e negozi a 1 euro

Continuano le iniziative mirate a rivitalizzare i paesi montani in varie parti dell’Italia. Un esempio è la proposta avanzata nei mesi scorsi nella provincia di Pordenone dall’Ascom pordenonese. La proposta è di vendere ai proprietari disposti a investire, case e negozi a 1 euro per combattere lo spopolamento della montagna friulana. Si tratta di una soluzione già intrapresa in altre aree dell’arco alpino e appenninico, su cui l’associazione ripone la propria fiducia.

Il progetto

Il progetto è stato presentato nei mesi scorsi dall’assessore regionale Stefano Zannier. Prevede un finanziamento di 800mila euro a vantaggio di giovani imprenditori, al di sotto dei 41 anni. L’obiettivo è quello di avviare o rilevare imprese agricole o forestali nei comuni montani friulani.

La proposta era quella di allargare i benefici di tale piano anche ad altre categorie, con la finalità di incentivare commercio e residenzialità. Il progetto prevede il coinvolgimento di tutti gli enti, comunali e regionali, interessati all’inizitiva..

Altri progetti simili

L’iniziativa friuliana non è prima nel suo genere. In giro per l’Italia si possono trovare vari progetti che hanno fatto da apri pista. Uno su tutti il primo bando nel lontano 2008 nel borgo siciliano di Salemi (TP). Vittorio Sgarbi era stato il fautore con l’idea delle case a 1 euro. Senza dimenticare anche altri paesini come:

Lecce nei Marsi, nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo; Ollolai, un paesino sardo a 45 chilometri da Nuoro; Regalbuto, altro borgo siciliano; Sambuca, sempre in Sicilia, in provincia di Agrigento.

Altri due esempi sono rappresentati dal comune piemontese di Borgomezzavalle, in valle Antrona, e Canicattì (AG) in Sicilia. In entrambi i casi le case erano state poste in vendita per un simbolico euro.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *