Tre sismografi per studiare i terremoti sulle Alpi orientali

Tre nuovi sismografi in provincia di Belluno. Li ha installati l’Arpav a Danta di Cadore, Falcade (sul passo Valles) e a Ponte nelle Alpi, alla scuola media Sandro Pertini, beneficiando di un contributo europeo di 250 mila euro. I soldi sono arrivati grazie alla partecipazione del Dipartimento provinciale di Belluno dell’Arpav al progetto europeo Interreg Italia – Austria “Hareia”, che prevede uno studio degli eventi sismici dell’arco alpino orientale. «Questo progetto è in dirittura d’arrivo», spiega il direttore del dipartimento di Belluno Rodolfo Bassan. «L’ultimo passaggio sarà il convegno organizzato a Hall, in Tirolo, il 9 marzo, nel corso del quale verranno presentati i risultati di questa esperienza».

“Hareia” è un acronimo che sta per “Historical an recent earthquakes in Italy and Austria”, cioè studio dei terremoti storici e recenti tra Italia e Austria. Aver installato i tre sismografi a Danta, Falcade e Ponte nelle Alpi consente alla provincia di Belluno di essere inserita nella rete sismologica delle Alpi orientali (da cui era esclusa). I benefici sono notevoli: «Si potranno avere informazioni dettagliate su ogni evento sismico che si registrasse nell’arco alpino orientale», continua Bassan. «Una bella esperienza, anche considerato che è a costo zero per Arpav».

Il progetto aveva un budget superiore al milione di euro, e i quattro partner (oltre ad Arpav ci sono la Provincia autonoma di Bolzano, il Tirolo e la Regione Friuli Venezia Giulia) si sono accaparrati circa un quarto della cifra a disposizione a testa. Oltre all’installazione dei tre nuovi sismografi, che sono già operativi, sono state sviluppate ricerche storico-bibliografiche transfrontaliere che hanno portato ad un nuovo catalogo condiviso dei terremoti che hanno interessato i territori delle Alpi orientali nel corso dei secoli.

I risultati verranno esposti nel corso del convegno del 9 marzo. Conoscere a fondo le caratteristiche di ogni terremoto è però importante per sviluppare scenari di scuotimento sismico all’interno del territorio oggetto d’esame, specie in considerazione del grado di sismicità della provincia di Belluno.

Alessia Forzin

di corrierealpi.gelocal.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *