Strada chiusa, occupato municipio Desulo

Non passano bus oltre 8 tonnellate, protesta a oltranza studenti

(ANSA) – NUORO, 19 NOV – Genitori, studenti e tanti abitanti del Desulo Municipio occupatopaese occupano il municipio di Desulo per protestare contro il declassamento della strada Provinciale 7, Montecorte-Desulo, vietata ai mezzi oltre le otto tonnellate. La protesta andrà avanti a oltranza se non si troveranno soluzioni al problema che impedisce regolari collegamenti per gli autobus degli studenti e dei lavoratori pendolari. L’ordinanza era stata emanata dalla Provincia di Nuoro il 2 novembre scorso in seguito al peggioramento della situazione del manto stradale. Da allora gli studenti pendolari, 80 ragazzi che ogni mattina si spostano con i pullman dell’Arst verso Tonara, Sorgono e Nuoro, viaggiano per ora con mezzi di fortuna. Ma i disagi riguardano anche il trasporto merci con camion pesanti e tutti i cittadini che si servono del pullman dei bus dell’Arst per gli spostamenti. Dopo giorni di disagi e manifestazioni il sindaco di Desulo, Gigi Littarru, ha annunciato una spiraglio che arriva dalla Regione: “L’assessore dei lavori Pubblici, Paolo Maninchedda, ci ha convocati per il 25 novembre a Cagliari per discutere della situazione della Sp 7, finalmente qualcosa si sta muovendo”. “Qui c’è bisogno che la situazione sia presa in mano in tempi rapidi – ha spiegato la madre di uno studente pendolare -. Da tre giorni abbiamo occupato il Comune, bloccando anche l’attività dell’ente nella speranza che qualcuno ci ascolti. Dal 2 novembre per noi sta diventando un impegno enorme accompagnare i nostri figli a scuola, stiamo tamponando la situazione dandoci i turni tra genitori, ma organizzare gli spostamenti di tanti giovani ogni giorno è un’impresa. Ora siamo decisi a lottare e finché la Regione non ci darà risposte concrete andremo avanti con l’occupazione. Chiediamo solo che nell’attesa del ripristino del manto stradale l’Arst ci metta a disposizione due pullman più piccoli che non superino le otto tonnellate e che portino i ragazzi a Tonara e a Sorgono, mentre per i pendolari che vanno a Nuoro chiediamo che il bus dell’Arst aggiri il tratto di strada interdetto, passando da Tascusì”. Per il sindaco Littarru “vanno bene nell’immediato le soluzioni tampone, ma la Provinciale 7 deve essere al più presto messa in sicurezza”. Alla protesta si è aggiunta anche l’associazione Avis del paese: all’automoteca dell’associazione è, infatti, interdetto il passaggio sulla Provinciale. (ANSA)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *