Sciatori provocano valanga. Soccorsi e tratti in salvo

Uno è stato completamente travolto dalla neve: illeso

CAMPO FELICE. Denunciati i due che stavano sciando fuori pista

Questa mattina, nella stazione sciistica di Campo Felice, i soccorritori pista delle Truppe Alpine insieme ai militari del Corpo Forestale hanno tratto in salvo uno sciatore che durante un fuori pista, insieme ad un compagno, ha provocato una slavina che lo ha travolto.

L’incidente è avvenuto sotto i piloni della pista in località Brecciara di Rocca di Cambio. I due sciatori, G.C., 44 anni, e M.O., 50 anni, entrambi residenti a L’Aquila, erano impegnati in un fuori pista: stavano infatti sciando in una zona a ridosso dell’impianto di risalita a servizio della pista “La brecciara”- pista che al momento dell’evento era chiusa per rischio valanghe- quando la valanga si è innescata.

Risultato: 10 metri di fronte, 100 metri di lunghezza, per una fratture di 1 metro circa.
Sono stati immediatamente attivati i soccorsi del Corpo Forestale dello Stato e del 9° reggimento alpini dell’Aquila che hanno raggiunto la zona e hanno tratto in salvo lo sciatore che era rimasto completamente sepolto dalla neve. E’ rimasto fortunosamente illeso e con le vie respiratorie libere.
I due sciatori, che sono stati identificati, sono stati denunciati ed essendo ancora sotto shock, saranno presto sentiti dal personale del Corpo Forestale dello Stato in servizio di Vigilanza e Soccorso sulle piste da sci.

«Sconsigliato effettuare attività fuoripista anche in previsione delle nevicate delle prossime ore . Il vento ha causato una forte ridistribuzione del manto nevoso con conseguente erosione delle zona sopravento e depositi su vecchi accumuli. Nel muoversi in ambiente innevato, soprattutto in zone pericolose, portare sempre a seguito: l’Artva, acceso ed in trasmissione, pala e sonda», questo è quanto riporta dal Bollettino Nazionale per le attività escursionistiche, al di fuori delle piste battute, Settore grandi massicci appenninici e appennino abruzzese.

di www.primadanoi.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *