Peste suina: appello Asl Nuoro

Articolo di www.agi.it

 Nuoro, 29 ott. – Per prevenire la diffusione della peste suina africana e della trichinellosi, i veterinari della Asl di Nuoro chiedono la collaborazione dei cacciatori del territorio, in vista dell’apertura della caccia al cinghiale.
Nel Nuorese nei territori di Dorgali, Oliena, Orgosolo, Desulo, Aritzo, Belvi’ e Tonara, dove sono stati trovati cinghiali positivi al virus della peste suina, sara’ possibile cacciare con un’autorizzazione in deroga, in base a un decreto del 5 settembre scorso, ma i cacciatori dovranno far analizzare, prima della macellazione, milza, sangue e diaframma degli animali abbattuti e custodirne le carcasse fino al termine degli accertamenti sanitari di laboratorio.
Alle compagnie di caccia che vogliono beneficiare di questa deroga, il servizio Sanita’ animale dell’Asl ricorda che e’ necessario presentare richiesta al servizio veterinario, che potra’ rilasciarla previo via libera del corpo forestale regionale.
“La collaborazione dei cacciatori e’ di fondamentale importanza per la riuscita del campionamento e il raggiungimento del numero minimo di campioni da prelevare, pari ad almeno 96 cinghiali controllati”, spiega Antonio Straullu, direttore del servizio Sanita’ animale dell’Asl di Nuoro.
“Qualora non venga raggiunto l’obiettivo, la zona infetta non potra’ essere revocata e permarra’, quindi, il divieto di caccia”.(AGI) Red-Rob

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *