Mussner: “Dolomiti, a pedaggio tutti i passi”

L’assessore provinciale altoatesino: decisione entro breve

BOLZANO. Per transitare sulle Dolomiti in Alto Adige gli automobilisti e motociclisti in futuro dovranno pagare un pedaggio,come nelle autostrade austriache e svizzere. La Provincia di Bolzano va infatti avanti sulla strada “a pagamento” e, dopo aver introdotto il pedaggio a passo Rombo e prossimamente sullo Stelvio, ora intende estenderlo anche sui passi dolomitici Sella, Gardena e Campolongo. A Reinhold Messner l’idea però non convince: “Meglio chiudere i passi tutti i giorni dalle 10 alle 17”, dice.
Non sarà un “dazio”, ma una sorta di “biglietto d’ingresso” per le Dolomiti, che dal 2010 sono patrimonio Unesco. “Il nostro intento non è assolutamente quello di fare cassa, ma di valorizzare e proteggere una zona alpina molto sensibile e unica nel suo genere”, sottolinea l’assessore provinciale Florian Mussner. Con l’entrate saranno finanziate sia la manutenzione di queste strade di montagna, che solo per lo Stelvio ammonta a 500 mila euro all’anno, “come anche il trasporto pubblico sui passi e altre iniziative paesaggistiche e culturali”, spiega l’assessore. “Potremmo – aggiunge – tenere in funzione gli impianti di risalita anche d’estate”.
E’ dal 2004 che la giunta altoatesina porta avanti il progetto. Il primo passo venne fatto sei anni fa a passo Rombo, in val Passiria, ma non fu una vera rivoluzione perché sul versante austriaco si pagava già il pedaggio. Il progetto pilota ha funzionato bene e ora sarà esteso, anche se modificato. Mentre a passo Rombo si paga a un casello, per lo Stelvio e i passi dolomitici Mussner pensa invece a una vignetta, valida un giorno per tutti i passi, da acquistare ad appositi distributori lungo le strade e in alberghi e aziende di soggiorno. L’assessore ipotizza un prezzo di 15 euro per le auto e di 5 euro per le moto, “ma alcuni operatori turistici hanno chiesto di aumentare il prezzo ed estendere la validità a due, tre giorni”. Mussner ribadisce che la Provincia di Bolzano cercherà ancora il consenso con i Comuni e le Province limitrofe.L’idea del pedaggio non piace neanche a Reinhold Messner. Il “re degli ottomila” parla sulla Tageszeitung di una “decisione insensata”. Per l’ex eurodeputato Verde, “il pedaggio è utile e sensato”, mentre non lo è per i passi dolomitici, per i quali propone una chiusura quotidiana delle 10 alla 17. Lo stop forzato per auto e moto, anche solo per alcune ore, non piace assolutamente al governatore Luis Durnwalder che prossimamente vuole riportare la questione in giunta provinciale.

di trentinocorrierealpi.gelocal.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *