Lupi all’assalto anche sugli alpeggi di Ostana

Articolo di  Targatocn.it

 

Dopo Paesana, lupi all’assalto anche sugli alpeggi di Ostana: aggrediti e uccisi due capi bovini

Sembrano non avere fine gli attacchi dei lupi alle mandrie ovine, bovine e caprine che ancora si trovano agli alpeggi, complici le temperature estremamente miti di questo inizio autunno. Se il sindaco di Paesana Mario Anselmo – per sua stessa ammissione – martedì scorso è stato costretto a firmare un’ordinanza per l’interramento di un capo di bestiame parzialmente sbranato dai lupi in località Biatonné (località posta alla partenza dei due grossi tubi che alimentano la centrale idroelettrica della frazione Calcinere), la stessa sorte è toccata, lo stesso giorno, al primo cittadino di Ostana, minuscolo centro dell’Alta Valle Po.

Alla luce del verbale di sopralluogo del “Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario – Sanità animale” dell’Azienda Sanitaria Locale CN1 con il quale veniva autorizzato l’interramento di 2 capi bovini ritrovati morti in località Alpe Chiotte-Ciampagna, il sindaco Giacomo Lombardo ne ha ordinato “la distruzione mediante interramento” nei paraggi della stessa località. I capi assaliti facevano parte di una mandria di proprietà di Silvio Botto, come detto ancora agli alpeggi nonostante l’autunno ormai inoltrato. Il 27 luglio scorso un gregge di 350 pecore era stato assalito dai lupi anche sugli alpeggi di Oncino.

Domenica scorsa, all’inaugurazione di PaesanAinpiazzA, il sindaco oltre ad invitare le Istituzioni a “difendere i montanari prima che i lupiessendo “i primi ad essere in via di estinzione e non già i secondi” parlando dell’ultimo assalto di cui si aveva conoscenza si era chiesto: “Quanto deve durare ancora tutto questo prima che vengano presi i provvedimenti del caso?”. Sono in molti a sottoscrivere quella domanda.

Nella scorsa estate, dopo l’ennesima strage di pecore, l’assessore regionale all’agricoltura Claudio Sacchettoaveva annunciato di voler avviare un programma di abbattimento dei lupi, inviando a tal proposito una dettagliata e motivata richiesta al competente Ministero. Richiesta che è facile credere cozzerà anche questa volta con le disposizioni Europee e Nazionali sul lupo, così come vi cozzarono quelle inviate un paio d’anni fa al Ministero dell’ambiente. Oggi, rispetto ad allora, però, se possibile, la situazione è ulteriormente peggiorata. Oggi i lupi attaccano ed uccidono anche le mucche.

 Walter Alber

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *