La Protezione civile e il Soccorso alpino ancora in missione-neve nelle Marche

Verona. Mentre la maggior parte delle squadre distribuite nei comuni di Pesaro e Urbino completeranno con oggi le missioni affidate loro dai diversi sindaci, in previsione del rientro tra questa sera e domani, altri 11 soccorritori veneti partiranno oggi alle 13 dalla sede di via dell’Artigianato a Belluno, in direzione delle Marche. Ieri sera, infatti, è arrivata una richiesta dalla prefettura di Urbino e dalla Soprintendenza di un ulteriore aiuto da parte del Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi per completare lo sgombero dalla neve sul tetto di Palazzo Ducale. Hanno subito dato la loro disponibilità 4 soccorritori della Stazione di Sappada, 3 del Centro Cadore (che affiancheranno i loro colleghi impegnati da giorni sul tetto dello storico palazzo) e 4 speleo delle Stazioni di Verona e Vicenza. Con i rinforzi, le operazioni di pulizia dovrebbero completarsi domenica. Quest’oggi, intanto, nel centro di Urbino una squadra ha asportato un ponte incombente di neve, di circa 10 metri cubi, tra due abitazioni in prossimità della Casa della Musica e sono stati completamente liberati dalla neve i tetti della chiesa e della canonica di Sant’Angelo in Vado, così come del Convento delle suore Cappuccine a Mercatello sul Metauro.

Infine a Borgo Pace i soccorritori proseguono la ripulitura delle coperture di edifici pubblici e privati.
Da giovedì scorso, contando anche gli uomini che partiranno nel primo pomeriggio, sono 52 i soccorritori veneti arrivati a dar sostegno agli abitanti e al Soccorso alpino delle Marche.
Intanto da lunedì, i volontari della Protezione civile della Provincia di Verona sono impegnati nelle province di Ancona e Pesaro-Urbino per prestare aiuto alla popolazione locale colpita dalle forti nevicate degli ultimi giorni.  Oggi, la squadra veronese è all’opera con i mezzi e i volontari dell’Associazione Alpini di Verona per liberare gli abitanti del comune di Mercatino Conca, nella provincia di Pesaro-Urbino al confine con San Marino, ancora isolati da quattro metri di neve. Si sono occupati della pulizia delle strade e hanno sbloccato le case ostaggio della neve, soprattutto nei comuni isolati. Allertati dal Dipartimento della Protezione Civile della Regione Veneto e coordinati da Antonio Ridolfi, i volontari veneti sono più di 50 e provengono anche dalle province di Venezia, Vicenza e Belluno. Sono divisi in due squadre che hanno provveduto, nei giorni scorsi, a liberare dalla neve sia i quartieri collinari di Ancona che il carcere della città e hanno consegnato medicine agli anziani del comune di Falconara.

Assessore alla Protezione civile, Giuliano Zigiotto: “A distanza di giorni dall’evento meteo avverso, nelle Marche ci sono ancora persone isolate dalla neve e saranno oggi i volontari veronesi a liberarli. Un’operazione di cui sono orgoglioso di dare notizia.  Quando domenica notte la Regione del Veneto ci ha allertato, abbiamo immediatamente risposto alla richiesta. I nostri uomini sono giù da lunedì mattina, coordinati dal tecnico della Provincia Antonio Ridolfi. Se c’è un’emergenza, la nostra struttura è sempre pronta ad intervenire, merito anche della nuova e più efficiente organizzazione di cui ci siamo dotati con l’Unità operativa specifica della Provincia”.

di www.larena.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *