Il Soccorso Alpino salva e libera un falco

Un falco rimasto intrappolato in una rete paramassi è stato tratto in salvo da un soccorritore del Cnsas. L’animale non aveva riportato ferite ed è volato immediatamente in libertà. 
In questi giorni di maltempo abbiamo sentito la notizia di numerosi animali deceduti per la neve, le rigide temperature e l’isolamento. Ed è un po’ in relazione a ciò che si è deciso di riferire una notizia che, seppure di minima entità, abbia con sé un lieto fine.

Nel bellunese, nei pressi di Colle Santa Lucia, qualche giorno fa un automobilista di passaggio lungo la strada che da Caprile porta a Rucavà ha notato un falco rimasto intrappolato tra la parete di roccia e le maglie della rete paramassi. Il passante ha avvertito i vigili urbani, i quali hanno contattato la polizia provinciale venatoria. 

Il rapace, entrato probabilmente dal basso per cacciare una preda, era riuscito a volare dove lo spazio tra la parete della montagna e la rete lo aveva consentito, rimanendo poi intrappolato a una decina di metri di altezza dalla sede stradale. Dal momento che, per liberarlo, sarebbe stato necessario risalire il tratto verticale, gli agenti venatori hanno richiesto l’intervento di una squadra del Soccorso alpino della Val Fiorentina.
Un soccorritore, dopo essersi assicurato, si è arrampicato, ha raggiunto il per aprire un varco nella rete e lo ha estratto dalla sua prigione

Libero, il rapace si è subito alzato in volo.

Fonte: comunicato stampa del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto                               di www.ilgiornaledellaprotezionecivile.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *