Capracotta: medaglia al Valor civile.

                                   Articolo preso da ilnuovomolise.it  del 10/09/2011

 

Capracotta ora può fregiarsi della Medaglia di bronzo al Valore Civile, apposta sul gonfalone comunale dal prefetto Caterina Valente. Alla solenne cerimonia hanno presenziato le massime autorità civili, militari e religiose del Molise e i gonfaloni decorati della provincia di Isernia. Inoltre, presenti la professoressa Maria Rosaria Di Nucci, l’architetto Franco Valente, l’avvocato Alfonsino Battista, lo storico Achille Conti. Tuttavia l’ospite più atteso, e certamente più onorato, è stato il vicepresidente della Camera dei Deputati, Rosy Bindi, che ha accolto l’invito ad assistere alla consegna del prestigioso riconoscimento.“Certamente un evento che non può passare inosservato – ha dichiarato – dal momento che chiunque abbia speso la vita per la patria merita di essere ricordato e considerato un eroe. Ancor più acquista significato nel 150° dell’Unità d’Italia, oggi più che mai sentito a causa delle difficoltà e delle divisioni che attraversano il nostro Paese. L’amor di patria e l’eroismo civile ci rendono cittadini di un’unica nazione, il ricordo di quanti hanno versato il sangue ci rende fieri ed orgogliosi di essere cittadini d’Italia” Congratulazioni sono state espresse anche dal Presidente Giorgio Napolitano, che, attraverso una nota fatta recapitare all’amministrazione comunale, ha espresso ammirazione per il riconoscimento onorevole conferito. In una piazza Stanislao gremita di gente, il vescovo della diocesi di Trivento, mons. Domenico Scotti, ha benedetto le corone, la Banda dell’Esercito, diretta dal maestro Fulvio Creux, ha suonato per la cittadinanza, e la sfilata in uniformi storiche dei militari della Guardia di Finanza ha fatto tornare alla mente la storia e il passato delle istituzioni italiane. La professoressa Maria Rosaria Di Nucci ha ricordato la storia dell’Unità d’Italia e della grande Italia contemporanea, raccomandando di non essere semplicistici attribuendo al passato tutti i mali di oggi. L’architetto Franco Valente, invece, ha messo l’accento sui lati oscuri delle battaglie e delle conquiste garibaldine, sull’enorme difficoltà nell’inculcare i concetti (di matrice intellettuale e piemontese) di ‘unità’ e di ‘Italia’ nelle menti degli umili meridionali di fine ‘800. In occasione del conferimento della Medaglia al valore Civile, Poste Italiane ha predisposto, su richiesta dell’amministrazione comunale di Capracotta, uno speciale annullo filatelico, Sull’evento è intervenuto il vice presidente della Regione Molise, Mario Pietracupa, presente alla cerimonia: “Ricordiamo con commozione e profonda riconoscenza la straordinaria capacità di resistenza agli stenti a cui fu costretta la popolazione capracottese nel 1943. Da molisano che ama la sua terra, partecipo con orgoglio a questa manifestazione. I 150 anni dell’unità d’Italia sono serviti principalmente a far sentire di nuovo vivo il nostro senso di appartenenza. Resisteremo tenacemente per mantenere intatta la nostra identità. Certo, il federalismo ha un senso importante, soprattutto quando ci viene chiesto di spendere le risorse in maniera oculata. E’ però altrettanto importante che il popolo molisano non venga sacrificato e cancellato in ossequio ad una politica che si basa soltanto sui numeri. Per restare in vita e affrontare il futuro con dignità serve soprattutto l’ottimismo e la capacità di fare squadra. Cerchiamo dunque di intercettare le esigenze dei cittadini e ascoltiamoli. Su questo bisognerà lavorare tanto facendo autocritica e utilizzando le risorse in maniera sensata, trasparente, e nell’interesse generale”.

Adele Moauro

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *